Centrodestra: Romani, su migranti e Ue possibile accordo con Salvini e Meloni

Centrodestra: Romani, su migranti e Ue possibile accordo con Salvini e Meloni

Domani il leader della Lega nord sbarcherà sullo Stretto.

All'interno dell'hotel Sheraton, da parte sua, Matteo Salvini viene accolto dal movimento Noi con Salvini, con a capo Angelo Attaguile, dal sindaco Filippo Dragoe dai suoi supporters isolani. Alle 13 è prevista, invece, una conferenza stampa al Palacultura.

Turchia, Del Grande incontra il console
Anche nella giornata di oggi sono proseguiti i contatti con la compagna di Gabriele Del Grande e con l'avvocato della famiglia. Ieri a Istanbul campeggiavano le immagini dell'ormai super-presidente a colloquio con Trump e con Putin.

Barcellona, Piqué: "Juventus più forte, qualificazione strameritata"
Venerdì a Nyon l'urna riserverà una tra Real Madrid , Atletico Madrid o Monaco , ma dopo la lezione al Barça forse saranno le altre a temere la Juve e non il contrario.

La Fiorentina affonda l'Inter, al Franchi finisce 5-4 per i viola
Icardi Realizza tre reti e spinge l'Inter ad una rimonta che per poco non riesce. In attacco Icardi con Perisic con Joao Mario e Candreva a supporto.

Accusa anche Salvini di avere una "tremenda paura di perdere visto che si è occupato più di parlare di me che del suo pupillo". Per il sindaco di Messina il Mezzogiorno e la questione migranti nel "sistema di pensiero" di Salvini e del suo movimento politico sono accomunati "nell'approccio razzista, discriminatorio e antieuropeista al quale ci ha tristemente e provocatoriamente abituati". "Ma, dopo aver visitato oggi un centro d'accoglienza a Messina, mi sono reso conto che non c'era ne una donna e ne un bambino ma era pieno di uomini grossi e robusti che davvero potrebbero costituire una minaccia per tutti noi". Un modello fatto di grandi numeri di cui conosciamo solo aspetti negativi e degenerativi, lesivi delle libertà individuali e del diritto di essere dignitosamente accolti.

Ma gli organizzatori hanno scelto di manifestare comunque, hanno sfilato per le vie del paese, hanno bruciato un fantoccio di Salvini in piazza per "ricordare - dicono - che questa terra non lo vuole, che qui non è il benvenuto". Dunque, il sistema degli hotspot, oltre che non funzionare per gli obiettivi di ricollocamento per cui è stato concepito, causa violazioni ai diritti dei migranti: una detenzione amministrativa per un tempo imprecisato, la differenziazione tra richiedenti asilo e "migranti economici" che condanna a una condizione di irregolarità sul territorio che li priva di ogni forma di tutela e di protezione. Arriva nuovamente la conferma da parte dell'amministrazione messinese di investimenti nella messa a sistema di un'accoglienza capillare, basato sulla sussidiarietà sociale.