Ius Soli, CasaPound: "manganellate mentre andavamo a mani alzate verso il Senato"

I primi sostenitori di queste idee contro l'approvazione dello "Ius soli" sono stati i membri della Lega Nord, che si sono presentati alla seduta del Senato portando con loro alcuni cartelli di protesta;"No Ius soli", "Stop invasione", "Prima gli italiani" sono state le invettive riportate sui cartelli esposti.

Durante la bagarre anche la ministra Valeria Fedeli, seduta ai banchi del governo, si e' fatta male ad un braccio cadendo su una ringhiera, tanto che e' dovuta ricorrere alle cure dell'infermeria. Secondo quanto si apprende, alla ministra sarebbero stati messi di cerotti e le sarebbero stati somministrati degli antidolorifici. E la ministra Fedeli è finita in infermeria per farsi medicare. Per lei una contusione al gomito, ma nulla di grave: "Sto bene, grazie a tutte e a tutti". Dentro Palazzo Madama è la Lega, contrarissima al testo contro cui ha presentato oltre 48mila emendamenti, a scatenare il caos quando non viene concessa la parola al capogruppo Centinaio che vorrebbe chiedere il rinvio in commissione. Non appena il Senato ha dato il via libera all'esame, nell'emiciclo è stata bagarre.

M5s infuriato con Repubblica, Di Maio e Fico querelano Calabresi
E' ragionevole che dieci giorni fa (forse quindici) Casaleggio e Salvini si siano incontrati o comunque parlati. Così Matteo Salvini , leader della Lega Nord , a Tgcom24. "La fake news questa volta è più grande di lei".

Le vittime dell'incendio del grattacielo a Londra potrebbero non essere mai identificate
Questa versione più economica dei pannelli viene quindi scelta per piccole strutture commerciali e non per condomini o ospedali. Oltre che sull'effetto potenzialmente micidiale di un maledetto rivestimento in plastica isolante installato da poco.

Bagarre al Senato sullo ius soli, la ministra Fedeli finisce in infermeria
Dall'altro lato l'opposizione durissima di Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia. La discussione è statoa terreno di scontro, e non solo verbale.

A rimanere contusi sono stati anche alcuni leghisti, con il senatore Gian Marco Centinaio che ha richiesto del ghiaccio da mettere sulla mano sinistra gonfia dopo essere stato allontanato dai commessi parlamentari. Un provvedimento voluto dalla maggioranza, ma che vede l'ostilità di destra, Lega e M5S. Per i favorevoli si tratta di una legge "di civiltà", per i contrari di una "sanatoria indiscriminata" per i migranti. "Boldrini, Renzi, questa è la vostra integrazione, questo è il vostro Ius Soli".

Si vuole modificare anche l'articolo 4 della legge in vigore che prevede che lo straniero nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, possa diventare cittadino se dichiara di voler acquistare la cittadinanza italiana entro un anno dall'ingresso nei diciotto. Altre tensioni si sono poi verificate all'esterno, con una manifestazione di Forza Nuova e Casapound organizzata in piazza Vidoni.