Trump: annullare l'accordo con Cuba, ha arricchito il regime

Trump: annullare l'accordo con Cuba, ha arricchito il regime

"Noi otterremo una Cuba libera" ha affermato Trump annunciando la cancellazione dell'accordo.

Il 16 giugno, il Presidente statunitense Donald Trump ha comunicato che applicherà una politica d'austerità nei confronti di Cuba in diversi settori, tra cui quello commerciale e turistico. Lo sottolinea una lunga "Dichiarazione del governo rivoluzionario" di Cuba, confermando nel contempo "la volontà di proseguire un dialogo rispettoso" con gli Usa nei temi di mutuo interesse. Il testo respinge quindi eventuali "concessioni relative alla propria sovranità o indipendenza". "Negli ultimi due anni, conclude la dichiarazione, è stato dimostrato che i due paesi possono cooperare e convivere in modo civile". Bisogna ricordare che al momento Trump, come ha fatto Obama, intende distinguere i rapporti con il regime di Castro da quelli che intercorrono con la popolazione cubana che subisce la mancanza di libertà e democrazia imposta dal sistema politico non democratico.

Vaccinazioni: calo anche di quelle obbligatorie
Pensato da due medici australiani, Voxcard è un progetto ambizioso che punta ad aumentare la copertura vaccinale . Basterà fornire un'autocertificazione con l'impegno di integrare il tutto entro il 10 marzo 2018.

La Farnesina: Gloria e Marco sono morti
Intanto cresce la rabbia per l'uso di un materiale di rivestimento scadente che avrebbe favorito il propagarsi delle fiamme. Lo ha annunciato la polizia britannica. "Ho sentito la registrazione della telefonata di Gloria alla mamma".

La data di uscita di Days Gone non è trapelata
Garvin ha infatti dichiarato: "Il dettaglio più grosso è la risoluzione". "4K dinamici e vederli con HDR . Rimaniamo in attesa di ulteriori informazioni riguardo il gioco, che è atteso per il prossimo anno.

E ha lanciato un appello per la liberazione dei prigionieri politici. Scopo di Trump dunque è quello di arrivare, tramite rinegoziazione, a un accordo più equo e più giusto, seguendo uno schema già adottato in altre occasioni. "A questo fine dobbiamo assicurarci che i fondi americani non finiscano ad un regime che non rispetta neanche le più elementari basi di una società libera e giusta", si leggerebbe nella bozza della direttiva trumpiana anticipata dai media statunitensi. Intanto con una mossa a sorpresa Trump fa retromarcia su una delle sue principali promesse elettorali, decidendo che continuerà a proteggere i cosiddetti 'dreamer', gli immigrati senza documenti arrivati negli Stati Uniti quando erano bambini. Il Dipartimento di giustizia americano ha infatti annunciato che resterà in vigore il programma varato dall'amministrazione Obama nel 2012, teso a evitare il rimpatrio forzato di queste persone e a fornire loro un permesso di lavoro.