Rogo Londra, Gloria e Marco morti nella torre

Cundy ha anche chiesto a chiunque abbia foto relative all'incendio del grattacielo di fornirle alla polizia e a chi sia riuscito a fuggire e mettersi in salvo dal rogo di contattare le autorità, che nell'ambito delle indagini proveranno anche grazie alla loro testimonianza a ricostruire l'accaduto e ad accertare il numero esatto delle persone che si trovavano all'interno.

Sono deceduti Gloria Trevisan e Marco Gottardi, i due fidanzati italiani dispersi nell'incendio della Grenfell Tower a Londra. La tragedia si poteva evitare?

Rogo Londra, la rabbia dei sopravvissuti: "May deve andarsene"
La ditta che ha portato avanti i lavori di ristrutturazione nel 2015, però, assicura di aver rispettato tutte le norme. In ospedale ci sono ancora 24 persone, di cui 12 in condizioni molto critiche.

Mercato, Juve, la conferma di Marotta: "Sì, siamo su Donnarumma"
Cuadrado e Bonucci? Non abbiamo nessun sentore, per Alex Sandro il Chelsea ha fatto un'offerta molto elevata (60 milioni, ndr). Quando ti trovi il contratto in scadenza è normale una certa effervescenza nei giocatori e nei loro rappresentanti.

Radio Italia Live Il Concerto a Milano: scaletta cantanti e anticipazioni
"La musica è più forte, ci sarà sempre e sarà sempre e per tutti pace , purezza e libertà". Per radio italia 3.0: Elodie, Lele , Marianne Mirage, Sergio Sylvestre .

Monta la protesta di familiari delle vittime dopo questo particolare, mentre si cerca di trovare una sistemazione per i sfollati.

Al momento vi sono 30 morti accertati, tra cui Gloria e Marco, e decine di dispersi. Molti i bambini che mancano all'appello. Gente che di fatto l'ha cacciata via nel giro di pochi minuti, inveendo e lanciando quel che capitava a tiro. Persone che hanno accolto con rispetto la regina, arrivata in visita in mattinata con il nipote William, anche ad ascoltare, fuori da ogni protocollo, le urla di dolore di una donna. La rabbia di strada di fatto si è consumata nella zona della sciagura, di fronte al municipio del Consiglio locale di Kensington and Chelsea - borgo londinese del lusso, ma non solo - controllato come il governo di Sua Maestà, da un Partito Conservatore sempre meno saldo in sella. Per sfogare invece più tardi la loro frustrazione contro la sede municipale, presa d'assalto da centinaia di dimostranti, fino all'intervento della polizia e all'arresto di uno dei più esagitati. La stima dei morti sale ad almeno 70 e il conteggio non e' definitivo. E si è scagliata infine contro Teresa May, alla quale non è bastato annunciare lo stanziamento di 5 milioni di sterline di aiuti, né visitare in fretta e furia alcuni dei 24 feriti in ospedale. E continuano le polemiche per la mancata messa in sicurezza dell'edificio, che ha preso fuoco troppo rapidamente a causa di un rivestimento esterno facilmente infiammabile.