Ondate di calore, domenica Campobasso da "bollino rosso"

Ondate di calore, domenica Campobasso da

Stiamo vivendo un'ondata di calore particolarmente intensa e duratura, ma sarà davvero la più intensa degli ultimi 15 anni? Si tratta delle settimane più calde dell'anno secondo i metereologi di Meteo.it. Fino a sabato l'alta pressione di matrice africana occuperà stabilmente la nostra Penisola su cui continuerà a trascinare le bollenti correnti d'aria sahariana. Sabato il bollino rosso è previsto a Bologna, Bolzano (già oggi al livello 3), Brescia, Perugia e Torino; domenica, allerta per Ancona, Campobasso, Firenze, Perugia e Pescara.

Il sito del Ministero della Salute si arricchisce di contenuti e informazioni per gestire le ondate di calore.

Mercato - La Fiorentina chiama Borja Valero per evitare le contestazioni dei tifosi
SALAH-LIVERPOOL, CI SIAMO - Come rivela Sky Sport , la telenovela Roma-Salah-Liverpool sta per finire. Parliamo del polacco Krychowiak che ha giocato l'ultima stagione nel Paris Saint Germain in Francia.

F1 Baku, Vettel: "Lewis pericoloso, perché io penalizzato e lui no?"
Il suo gesto è stato giudicato volontario e pericoloso, poco conta la manovra anomala di Lewis Hamilton in regime di safety car . Il britannico della Mercedes ha frenato bruscamente davanti al suo rivale della Ferrari , costringendolo quasi al contatto .

Comunali, il Pd perde Carrara e Pistoia
Dai ballottaggi , caratterizzati da una bassissima partecipazione, esce una Toscana sempre meno "rossa". A livello nazionale la percentuale è stata del 31,40% rispetto al 40,66% del primo turno.

Il Ministero, inoltre, arricchiste il portale di numerosi consigli, linee guida e raccomandazioni per gestire le ondate di caldo estive tutelando la salute, soprattutto in presenza dei soggetti più a rischio (anziani, bambini, persone affette da patologie invalidanti).

A Pescara, unico centro abruzzese preso in considerazione dal Bollettino delle ondate di calore pubblicato dal Ministero della Salute, si prevede nella giornata di domani il raggiungimento del livello di rischio 2 su una scala di tre, mentre per domenica è previsto il raggiungimento del livello di rischio massimo. Dopo Toscana, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia e Sardegna ieri è stato il turno anche delle province di Parma e Piacenza. La crisi idrica, iniziata nell'autunno del 2016, è stata aggravata dalle elevate temperature e dal gran numero di turisti che hanno determinato un considerevole aumento delle esigenze di acqua potabile.