Adescava minori via chat, proponeva pure menage a trois. Arrestato dirigente sportivo

Adescava minori via chat, proponeva pure menage a trois. Arrestato dirigente sportivo

Gli investigatori hanno capito che non si trattava di un caso isolato e sono risaliti al 24enne, che aveva ben quattro identità femminili differenti con cui colpiva le sue giovani vittime.

Nel Cuneense è stato arrestato dalla polizia postale di Torino un direttore sportivo che prestava servizio presso una squadra di calcio giovanile: stando alle accuse l'uomo adescava minori in chat, oltre un centinaio in quasi tre anni.

Le indagini sono partite due anni fa da Asti dopo la denuncia di un calciatore di 14 anni che aveva avuto il coraggio di raccontare tutto.

Lazio, per il dopo Biglia si pensa a Luiz Gustavo
Sono stati i tifosi della Lazio a renderlo possibile: sono straordinari e non dimenticano facilmente come le altre tifoserie. Le parti si aggiorneranno ma il Milan non vuole salire sopra i quindici milioni di euro.

Tim Down: telefoni e cellulari in tilt a Salerno
Problemi in queste ore agli utenti TIM e Telecom a Napoli e provincia. Disagi per chiunque cerchi di connettersi alla rete internet.

Destiny 2 ha una data per il preload su PlayStation 4
Bungie ha annunciato quest'oggi che i server di Destiny andranno offline a partire dalle ore 17:00 per un totale di 8 ore. Vi consigliamo caldamente di scaricare Destiny 2 in anticipo, dato che il download sarà di ben 68 GB .

Attualmente, gli uomini delle forze dell'ordine, che hanno ricostruito i fatti, hanno determinato che oltre cento ragazzini sono rimasti coinvolti nella turpe trama del dirigente sportivo: questi ultimi sono stati già ascoltati dalla Polizia in audizione protetta, confermando quanto accaduto. In alcune circostanze il 24enne finito ai domiciliari, su richiesta della Procura della Repubblica di Torino, proponeva un menage a trois, salvo poi tirarsi indietro in modo da proporre alle vittime di incontrare solo il suo fidanzato, cioè lui stesso.

Con alcuni stratagemmi riusciva sistematicamente a fingersi donna sui social Facebook, Whatsapp, Kik e Telegram con i ragazzi per avere contatti "privilegiati" con gli stessi. Una volta ottenuto il materiale pedopornografico, in molti casi scattava il ricatto: dichiarando di essere una persona diversa dall'avvenente interlocutrice, il criminale induceva minacciosamente i minori a produrne ancora, in cambio del suo silenzio.