Oggi l'udienza per Charlie. La cura sperimentale "si può tentare"

Oggi l'udienza per Charlie. La cura sperimentale

A sostenere la famiglia Gard nella sua battaglia per far riesaminare il caso di Charlie, alla luce degli ultimi sviluppi è comparsa anche l'associazione Mitocon che, a sua volta, ha scritto una lettera indirizzata ai medici dell'ospedale in cui si trova Charlie. Il giudice ha infatti chiarito fin dall'inizio che non intende protrarre le udienze all'infinito, ma anche che "i tempi non devono prevalere sulla giustizia": ed è evidente che non vuole apparire come qualcuno che abbia preso in maniera affrettata quella che è una decisione sulla vita e la morte.

Dal canto loro, anche i legali del Gosh osservano che nulla di davvero nuovo è stato portato all'attenzione del giudice, perché - precisano - tutte le presunte nuove ricerche sono studi di laboratorio e non sui pazienti. "E il paradosso è che tanti medici stranieri gliela darebbero, mentre quelli inglesi, quelli del suo Paese, no", ha spiegato.

Nel corso dell'udienza di oggi il giudice ha anche stigmatizzato le minacce ai danni di medici e avvocati del Great Ormond Street Hospital di Londra, dove da mesi il bimbo è stato ricoverato.

Sembra che domani l'udienza sarà finalizzata a capire i tempi per arrivare ad un meeting multidisciplinare, che si dovrebbe tenere nel giro di qualche giorno secondo il giudice, per trovare un consenso tra le differenti visioni relative al caso di Charlie. Io vedo invece segni di miglioramento.

Novità pensioni: stop all'aumento dell'età pensionabile a 67 anni?
Le ultime novità sulle pensioni riguardano il possibile stop dell'aumento dell'età pensionabile . Invitiamo quindi tutti gli interessati a controllare la propria pensione .

Il colombiano Uran ha vinto la nona tappa del Tour de France
Si finirà con 2400 metri di ascesa verso Peyragudes, l'ultimo muro che metterà tutti in seria difficoltà. E' un Tour strano, spesso cattivo e oggi tutto questo è tornato d'attualità in una tappa davvero dura.

Sorteggio Europa League: Milan - Universitatea Craiova
Una sfida che per alcuni versi rappresenterà un derby, per il Milan . La CSU Craiova è una squadra rumena fondata nel 2013.

E quando l'avvocato dell'ospedale gli aveva fatto notare che il bambino stava soffrendo inutilmente, il giudice aveva ribattuto: "Se è capace di soffrire, allora è capace di provare piacere, come sostengono i genitori". Il giudice ha dichiarato: "Ho reso chiaro che accolgo nuove prove, ma non voglio riaprire problemi già trattati" e che è nell'interesse di tutti "risolvere rapidamente il problema, andato avanti ormai troppo a lungo".

Nelle prossime ore si attende la decisione finale. Il piano è che l specialista Usa che ha proposto la terapia sperimentale, possa collegarsi dall'America così da offrire la prova. Sta invece alla difesa dei genitori di Charlie rendere noto che il cervello di Charlie non sia irrimediabilmente danneggiato; che ci siano statistiche di miglioramenti del sistema nervoso del piccolo in percentuali adeguate. L'elettroencefalogramma del piccolo Charlie Gard "mostra una disorganizzazione dell'attività cerebrale, non un danno strutturale maggiore". "In base a queste ulteriori e nuove valutazioni il gruppo di lavoro è dunque giunto alla conclusione che la terapia nucleosidica possa essere efficace nel caso del piccolo Charlie".

"L'unico modo per dire quanto sia permanente la disfunzione cerebrale" del piccolo Charlie Gard "è tentare la terapia", ha spiegato ancora.