Mirabelli, su Belotti Milan corretto

Mirabelli, su Belotti Milan corretto

Il club rossonero, sotto la guida Mirabelli - Fassone, sogna in grande e punta l'attaccante ex Juventus e attualmente in forza al Real Madrid. Tutto questo sta facendo sognare i tifosi e questo è un bene. Nove i colpi messi a segno, altri in arrivo nelle prossime settimane. La punta spagnola, qualora dovessero essere confermate le voci e dovesse dunque concretizzarsi l'affare, rappresenta la ciliegina sulla torta, il puntale sull'albero di Natale che il Milan ha allestito per una stagione che non potrà non coincidere con il ritorno ai vertici.

L'ADDIO ALL'INTER - "Ho preso una scelta coraggiosa, ma l'epilogo positivo mi ha dato ragione. Bonucci? Quello più affascinante, è stato un bel segnale". Il closing? Non l'ho vissuto benissimo. "Non è stato facile lavorare senza certezze e venendo guardati con sospetto". Non potevamo parlare per conto del Milan. Al Milan probabilmente avrà più successo. Responsabilità differenti. Fascino differente, ma non ho mai avuto la percezione di cambiare il mio modo di essere e di fare.

"Il pressing su Belotti adesso ha irritato il Toro". Ho vinto tutti i campionati, dai dilettanti alla Serie B. Mercato?

Calciomercato Milan Morata obiettivo numero 1
Calciomercato Milan Morata per rinforzare l'attacco

Sul suo lavoro di scouting: "Dovevamo dare subito un'impronta e prendere un blocco di giocatori importanti per aprire un buon ciclo. Sondiamo anche altri nomi". Abbiamo l'obbligo di conoscere i giocatori, e non prenderli per sentito dire. "Questo progetto di scouting lavoriamo in tanti, contiamo di arrivare prima su alcuni di giocatori per poterli acquistare a prezzi vantaggiosi".

RETROSCENA SUGLI ACQUISTI - "L'acquisto meno difficile?" Abbiamo fatto una campagna già molto importante. Da non sottovalutare nemmeno il fattore Bonucci, che potrebbe chiamare Belotti per convincerlo definitivamente e "costringere" così il Torino ad abbassare leggermente le pretese. Questa volta non c'è stato un atterraggio in elicottero, ma come per il numero uno di Fininvest gli effetti sul mercato sono stati immediati: Donadoni, Giovanni Galli, Rossi, Massaro, il compianto Borgonovo, Ancelotti, Colombo e gli olandesi Gullit e van Basten, in due anni tra l'86 e l'87 Berlusconi rifece il look alla squadra e permise al Milan di tornare a vincere lo Scudetto.

Rinnovo Nainggolan, il belga è a Trigoria
COSA MANCA - "Manca l'alternativa a Dzeko , due esterni offensivi, un terzino sinistro, un centrale difensivo ". Gap con la Juve? Col direttore stiamo cercando di formare 22 titolari.

Renzi: 'Nessuna coltellata a Letta, Pd mi chiese di sostituirlo'
In "Rivoluzione" c'è invece il racconto tutto costruttivo, e a volte perfino sognante, di un leader che non vuole rottamare ma ricucire.

Inter, Sabatini: Nainggolan sempre nella mia testa, Suning non si tira indietro
L'Inter rimane comunque alla finestra ma il nazionale belga sembra sempre più lontano dalla Pinetina. Va detto che l'Inter , almeno sulla carta, è già tutto sommato competitiva , ma serve di più.