Sessanta donne pronte a far causa a Google per sessismo

Sessanta donne pronte a far causa a Google per sessismo

Nel documento intitolato "Google's Ideological Echo Chambers", l'ingegnere (che ha mantenuto l'anonimato) ha scritto che le donne non costituiscono il 50% delle posizioni tecnologiche e di leadership della società non a causa del sessismo, ma a causa delle differenze nelle loro preferenze e capacità (differenze biologiche).

È stato licenziato l'impiegato di Google che in un messaggio interno all'azienda ha affermato che la scarsa presenza di donne nell'industria tecnologica è dovuta non a discriminazione, ma a 'fattori biologici'. Il contesto in cui è stato condiviso il documento è importante: Google è al momento sotto indagine dal Department of Labor Usa per il divario retributivo tra uomini e donne e dalla Silicon Valley arrivano varie denunce di donne o persone di colore discriminate. Il vice presidente dell'ufficio di Google che si occupa di diversità e integrazione, Danielle Brown, ha sottolineato che nel saggio scritto dal tecnico sono stati fatti assunti di genere errati che esprimono un punto di vista che l'azienda non vuole promuovere o incoraggiare.

Brigitte Macron, Première dame : le revirement de l'Elysée
De son côté, Thierry Paul Valette estime que le rôle de Brigitte Macron devrait être purement honorifique. Le document précisera le nombre de collaborateurs de la première dame.

Juventus, parla Massimiliano Allegri: "Dopo Cardiff..."
E' logico che quando arrivi in finale vuoi vincere, ma tra qualche anno si capirà la grandezza delle imprese di questa squadra. A Cardiff "abbiamo disputato un buon primo tempo, poi purtroppo avevo Mandzukic e Pjanic zoppi e il Real ha accelerato.

Mare, Legambiente: "Batteri oltre i limiti di legge nel 40% dei casi"
Il mare più pulito è anche quest'anno quello della Sardegna , che presenta solo 5 situazioni critiche, seguita dalla Puglia . Utilitalia: mancata depurazione peggior nemico del turismo "La depurazione non in regola è il peggior nemico del turismo".

Secondo l'autore le attitudini naturali degli uomini li mettono in grado di diventare programmatori migliori. Secondo l'ingegnere, Google non dovrebbe sviluppare programmi di inclusione sociale. L'autore del manifesto sostiene che "le donne sono meno qualificate degli uomini", conclude Matsakis.

La tesi di Damore oltretutto è supportata dall'interessante documentario novergese "Brainwashing - The gender equality paradox" (al link sottotitolato in italiano), che in sostanza evidenzia come la parità tra i sessi non ha niente a che vedere con la parità di genere, che appunto rimane solo una teoria. Tuttavia esiste un Codice di Condotta che va rispettato e, nonostante i contenuti del documento incriminato possano essere oggetto di approfondimenti e dibattiti, in questo caso si è oltrepassato il limite "etico", ritenendo il memorandum "contrario ai nostri valori di base ed al nostro Codice di Condotta".