Addio voli tra Malpensa e Roma

Addio voli tra Malpensa e Roma

Niente più voli tra Milano Malpensa e Roma: dopo Alitalia anche EasyJet abbandona la tratta.

Ora EasyJet getta definitivamente la spugna: a partire dal prossimo 28 ottobre gli aerei non effettueranno più il collegamento giornaliero.

L'ipotesi era stata già ventilata nei mesi scorsi, ma poi rientrata, con la speranza di guadagnare terreno al seguito del ritiro di Alitalia. Dopo la cancellazione di molti voli extraeuropei Alitalia da Malpensa, però, anche questa funzione è venuta meno.

Serena: "Milik sarebbe perfetto al Manchester United, al contrario di Mertens"
Diciamo che è più integrato negli schemi". "Magari solo in qualche porzione di gara". Per Milik è un bene, sa che per lui sara' una stagione di sofferenza.

Sanremo 2018: ecco chi saranno i nuovi conduttori
Dopotutto, dirigere Sanremo è difficile quasi quanto condurre gli Academy Award ed è umano sentirne la tensione. Fabrizio Frizzi non l'ha escluso, come Paolo Bonolis , del resto.

Germania, Khedira torna a Stoccarda e compie un grande gesto
Un'iniziativa che arriva a pochi giorni anche dagli spiacevoli incidenti di Praga dove alcuni tifosi tedeschi sono stati protagonisti in negativo con cori razzisti, a sfondo nazista.

A La Stampa il presidente dell'Unione degli industriali di Varese, Riccardo Comerio, pur comprendendo in pieno la scelta industriale della compagnia, ha infatti commentato: "Torniamo indietro di vent'anni". Senza un volo diretto da Malpensa bisogna andare a Linate o entrare in centro a Milano al mattino per prendere un treno. Oppure l'ormai sempre più usato treno. "Piuttosto che affrontare un viaggio del genere meglio una videoconferenza".

L'alta velocità quindi continua il suo dominio incontrastato: "La competitività dei treni è altissima, specie da quando è cominciata la battaglia dei prezzi tra Trenitalia e Ntv, migliorando l'offerta - spiega Andrea Giuricin, docente di Economia dei trasporti dell'Università Bicocca di Milano -".

Comerio punta il dito contro Alitalia, che per prima è andata via "con ragioni politiche che abbiamo contrastato a suo tempo", dice il presidente degli Industriali. "Gli aerei che partono presto al mattino, consentendo di trovarsi a Roma o Milano già alle sette sono ancora un bel vantaggio per chi deve viaggiare per lavoro e non ha problemi a spendere".