Fca, Marchionne: "Finchè ci sarò io nessuno scorporo Alfa-Maserati"

Fca, Marchionne:

Il gruppo Fca guarda allo scorporo di attività che non appartengono a un produttore di auto, come ad esempio la componentistica, non ha alcuna offerta sul tavolo e non sta lavorando a una grande operazione, mentre non sono ancora maturi i tempi di uno scorporo di Alfa Romeo e Maserati.

Inter, Karamoh: "Ora sono felice. Il mio punto di riferimento? Eto'o"
Una battuta su mister Spalletti: "L'ho seguito quando allenava la Roma: è eccezionale, ama il successo". La cosa fondamentale è trovare la posizione giusta per rendere al meglio e fare tanti gol e assist.

L'uragano Irma ha raggiunto i Caraibi
Irma , che viaggia con venti fino a 225 km/h, fa paura e ha già devastato le isole di St Martin, Saint Barthelemy e Anguilla. Raggiunte le isole nordorientali dei Caraibi , la violentissima tempesta sta per abbattersi sull'Isola di Porto Rico .

Izzo "graziato": squalifica annullata, domenica potrà giocare
Il giocatore sarebbe tornato in campo ad ottobre, ma la Federazione ha deciso di anticipare i tempi. Seconda pena: squalifica ridotta a 6 mesi .

Sostanzialmente, nel suo comunicato S&P annuncia di aver confermato il rating "BB" del gruppo italo-americano, aggiungendo poi di ritenere che Fca manterrà elevati margini operativi e un discreto flusso di cassa, anche se sono presenti "rischi di un rallentamento del mercato automobilistico statunitense e multe dalla causa civile in corso presso il Dipartimento di Giustizia Usa relativa alle emissioni di alcuni motori diesel". Intanto il titolo FCA perde l'1,12% a Piazza Affari. C'è una strada piuttosto chiara da seguire. "Ora la cosa importante è confermare l'intenzione, la tempistica arriverà al momento giusto", ha precisato anche se oramai il mercato, o quantomeno la maggior parte degli analisti, ritiene che la scissione di Magneti Marelli possa concretizzarsi per la fine dell'anno in modo da consentire a Fca di presentarsi alla prova dei conti annuali con la soddisfazione di aver raggiunto il target sul debito al di sotto dei 2,5 miliardi di euro. Capisco benissimo il concetto di staccarsi dal mass market come premium, il concetto non fa una piega, ma il momento (attuale) e' sbagliato, non siamo nelle condizioni di farlo. Per il futuro ci stiamo rendendo conto che a fronte della paura che l'auto vada a scomparire perché ci saranno macchine guidate da sole, il processo di cambiamento sarà più lungo e lento di quanto si pensava. I due marchi, infatti, stanno vivendo un profondo periodo di trasformazione che è ancora molto lontano dall'essere concluso. "Quindi calmiamoci, non succedera' fin tanto che ci sara' Marchionne". Vari analisti stimano il potenziale del titolo fra i 14 di Morgan Stanley e e i 20 euro di Goldman Sachs ma al di là dei numeri un po' tutti scommettono sulla capacità di Marchionne di estrarre ancora valore grazie nuovi spin-off dopo quelli di Cnh Industrial, Ferrari e delle attività editoriali.