Al via l'anno scolastico. Tutto ciò che si deve sapere sui vaccini

Al via l'anno scolastico. Tutto ciò che si deve sapere sui vaccini

In caso di autocertificazione, la documentazione comprovante l'effettuazione delle vaccinazioni deve essere presentata entro il 10 marzo 2018. Per usufruirne, occorre andare sul sito www.asl1abruzzo.it (dipartimento di prevenzione -vaccinazioni) "Nel giro di pochi giorni sono pervenute circa 1.500 richieste on line".

Eppure, nonostante questa evidenza, c'è chi da tempo propone di effettuare presunti test pre-vaccinali per stabilire se il bambino potrà sopportare le vaccinazioni. I vaccini che si fanno insieme hanno un'efficacia pari o addirittura superiore a quelli singoli. "Potranno consegnarla alle scuole: altrimenti, secondo quanto afferma la legge, i bimbi non potranno entrare in classe". Nel 2015 il fatturato è stato l'1,4% della spesa farmaceutica e costano di più i farmaci per curarsi dalle malattie che si contraggono perché non è stato somministrato il vaccino.

La vaccinazione esavalente comprende le sei vaccinazioni che si somministrano entro il primo anno di vita (antidifterica; antitetanica; antipoliomielitica; anti-epatite virale b; anti-pertosse; anti haemophilus influenzae tipo b) Esse si effettuano al terzo mese, con richiamo vaccini al quinto e all'undicesimo mese.

Anche la vaccinazione contro lo pneumococco è consigliata per persone sopra i 65 anni di età, o che abbiano le patologie che abbiamo descritto sopra. Quando è iniziata la discussione sul tema delle vaccinazioni questi messaggi sono diventanti ancora più assurdi perché molte di loro hanno iniziato a credere di aver preso una 'laurea in medicina' all'università 'della vita'. La campagna di comunicazione, anche da parte dell'assessorato alla Sanità guidato da Giulio Gallera, è stata massiccia, ma purtroppo ci sono ancora mamme e papà che non sanno come bisogna comportarsi. In Alto Adige inoltre è l'Azienda sanitaria a occuparsi delle prenotazioni. Se permanere l'irregolarità, partiranno delle raccomandate.

"Poi non è responsabilità di mamme e papà se la Asl ha dato appuntamento a 20 giorni" o più per somministrare ai piccoli i vaccini richiesti.

Marilena Rosa Re scomparsa da luglio: arrestato un conoscente per omicidio
Quindi, qualche giorno prima, il 27 presumibilmente, la Re aveva preso un appuntamento per la riconsegna del denaro. Sangue che secondo l'indagato era finito sui suoi vestiti durante la macellazione di alcuni conigli.

Cuscinetto dell'Ammortizzatore Monroe
Il compito principale dell'ammortizzatore è quello, appunto, di assorbire le vibrazioni prodotte dall'auto in movimento. Senza ammortizzatori, l'auto su strada si usurerebbe molto più facilmente, sopratutto nelle zone con presenza di buche.

M5s caos Regionali Sicilia: il Tribunale sospende l'elezione di Cancelleri
C'è da capire adesso quali effetti avrà questa decisione sulla votazione che ha incoronato Giancarlo Cancelleri . Per lui scattò quindi il provvedimento disciplinare con la conseguente esclusione dalle Regionarie .

I vaccini sovraccaricano il sistema immunitario: non è vero - Le singole sostanze in grado di stimolare una risposta immune si chiamano antigeni.

Infine, quattro vaccinazioni saranno, invece, "fortemente consigliate" e offerte attivamente dalle rispettive ASL: si tratta di quelle contro contro meningococco B, meningococco C, pneumococco e rotavirus.

IMPORTANTE: solo per l'anno scolastico 2017/2018 e il calendari dei servizi educativi per l'infanzia/scuole d'infanzia/provate non paritarie, il termine per la presentazione della documentazione è il 10 settembre 2017, mentre per gli altri gradi di istruzione e i centri di formazione professionale regionale è il 31 ottobre 2017. Il Garante autorizza le scuole ad inviare gli elenchi degli iscritti dalle Asl ma non autorizza la restituzione dei dati sensibili dalle Asl alle scuole.

A dare il via agli interventi il Dr. Quintavalle, che ha sottolineato la necessità di un incontro con la stampa in quanto "non essendoci stata adeguata informazione, c'è molta confusione e paura tra i cittadini, che conseguentemente si recano nelle nostre strutture a chiedere notizie, oberando di lavoro il personale sanitario".