Higuain: "Giocare bene senza vincere non lascia niente"

Higuain:

"Se giochi bene e vinci magari è meglio, ma giocare bene e non vincere non serve a nulla". "Io sono giovane e spero di avere tanti anni avanti nel calcio". Ecco perché credo che come agiamo a livello umano sia molto importante. Buffon ha 40 anni, ma ancora adesso è convinto di poter migliorare. "L'anno scorso ci siamo andati vicini, quest'anno ci riproveremo". Mi ha mostrato tutte le cose che non piacciono a un difensore.

Se dovesse guardarsi indietro, Higuain non ha dubbi nell'indicare il brasiliano Ronaldo il suo idolo, mentre a livello di leadership il suo capitano, Buffon, è il re indiscusso. Presto attenzione solo alle persone che vogliono il mio bene: la mia famiglia, i compagni, lo staff. Se mio padre o l'allenatore o il mio presidente dicono qualcosa, mi interessa.

Gonzalo Higuaìn, attaccante in forza alla Juventus, ha rilasciato delle dichiarazioni al quotidiano "The Guardian" affrontando varie tematiche. A prescindere dall'avversario, che si chiami Barcellona (avversario stasera nel debutto stagionale in Champions League) o in qualsiasi altro modo per il 30enne centravanti argentino non fa differenza. Anche se non è facile, in Champions è già stato difficile raggiungere le due finali in tre anni.

Gonzalo Higuain
Higuain è alla sua seconda stagione con la Juventus

Eppure tutta questa pressione non è un problema per il Pipita, anzi, è una carica in più: "La pressione è fondamentale, la voglio sempre". E' il motivo per cui gioco a calcio. "Il calcio è pressione costante, ogni giorno". Devi sapere conviverci - sottolinea ancora l'ex azzurro -. Per me è lo sport più in continua evoluzione nel mondo.

"Puoi segnare per sette partite di fila, ma se poi non fai goal per due gare sei in crisi. Non vivo il gol come un'ossessione, ma come un dovere: è il mio compito". "Ho guardato i suoi gol due milioni di volte, per me è il migliore di sempre con ampio margine".

Lavoro, Istat: disoccupazione in calo al 10,9%
Male invece per gli indipendenti, che continuano invece a calare (-71mila, -1,3%). A quota record, l'occupazione delle donne al 49,1%.

Perugia, solo un punto col Cittadella
La 3a giornata si conclude con 36 reti , record per ora della stagione 2017/18 nella quale si è superata già due volte la quota dei 30 gol.

Iniesta fa ancora sperare la Juve: Nessun principio di accordo col Barca
Le cose andranno come devono andare, il mio unico obiettivo adesso è rendere massimo in campo per vincere più titoli possibili. Condizioni che evidentemente non sono state ancora discusse, perciò un accordo oggi sembra ancora lontano.