Doping di Stato, Wada assolve 95 atleti russi su 96

Doping di Stato, Wada assolve 95 atleti russi su 96

L'agenzia mondiale antidoping (Wada) ha deciso di assolvere 95 atleti russi su 96 nell'ambito dell'inchiesta sul doping di stato in Russia emersa dal rapporto McLaren nel luglio 2016. Una decisione destinata a suscitare polemiche, con l'interrogativo, scrive il Nyt.

"Le prove disponibili sono insufficienti per affermare che ci sia stata una violazione delle regole antidoping per questi sportivi", si legge in un rapporto confidenziale pubblicato sulle pagine del New York Times. Senza dimenticare i possibili conflitti di interesse delle federazioni nazionali - cui sono demandati in prima istanza il controllo dei propri atleti e l'emissioni delle sanzioni - e dello stesso capo della Wada, Craig Reedie, che è anche membro del Cio, quindi interessato a promuovere il marchio olimpico mentre persegue le violazioni che lo danneggiano.

Il direttore generale della Wada, Olivier Niggli, ammette: "Dobbiamo accettare il fatto che l'obiettivo del rapporto McLaren era quello di smascherare un sistema di doping e non le violazioni dei singoli atleti". Richard McLaren, l'investigatore che ha speso gran parte degli ultimi due anni ad analizzare gli schemi del sistema russo identificando circa mille atleti coinvolti, indica la causa delle assoluzioni nella carenza di cooperazione da parte di Mosca nel fornire i dati di laboratorio e nella prassi di distruggere i campioni di urine contaminate utili per l'incriminazione.

Figlio 14enne ha documenti scaduti, padre lo lascia in aeroporto
Il padre però non ha voluto rinunciare alla sua vacanza ed è partito lo stesso, da solo, lasciando suo figlio in aeroporto . Incredibile vicenda quella che si è verificata, nei giorni scorsi, all'interno dell'aeroporto Fontanarossa di Catania .

Dybala: non escludo di lasciare la Juve
Dal Pantheon sentenziò David Trezeguet: "A Dybala ora non manca nulla per essere ai livelli di Messi ". Impareggiabile l'ironia dei napoletani.

Kate Middleton veut faire bouger le protocole pour son 3e accouchement
Autant de questions et si peu de réponses qui ont mis tous les bookmakers du pays en émoi. Mais la duchesse de Cambridge , elle, a un frère et une sœur.

Su Radio Sputnik il giurista sportivo e direttore del gruppo di legali sportivi dell'Associazione degli Avvocati della Russia Sergey Alexeev ha osservato che l'archiviazione dell'inchiesta da parte della WADA contro gli atleti russi dà loro motivo per recarsi in tribunale e chiedere risarcimenti.

Lo scandalo era stato definito "doping di Stato" e aveva portato alle esclusioni da Mondiali, Paralimpiadi, da tutto. Mosca ha sempre respinto ogni addebito ed evocato un complotto americano, al quale hacker presumibilmente russi hanno risposto smascherando i campioni Usa che fanno uso di sostanze proibite ma protetti da appositi certificati medici.