Lamborghini al Papa: già destinata alla carità

Lamborghini al Papa: già destinata alla carità

Non è altro che un esemplare unico che il numero uno di Lamborghini Stefano Domenicali ha voluto donare a Papa Francesco.

Questa mattina prima della udienza generale alla presenza dei vertici della casa automobilistica di Sant'Agata Bolognese, la vettura è stata consegnata in dono a Papa Francesco. Chi tuttavia pensa che Sua Santità ora se ne vada in giro per Roma su una supercar sbaglia di grosso: la Huracán sarà messa all'asta da RM Sotheby's il prossimo 12 maggio e il ricavato consegnato direttamente nella mani del Santo Padre.

Al Papa donata una Lamborghini, subito all'asta per beneficenza
Regalata al Papa una Lamborghini, sarà messa all'asta per beneficenza

Un'iniziativa senza dubbio lodevole. Una parte del ricavato della vendita all'asta della Lamborghini, verrà consegnato alla Fondazione di diritto pontificio "Aiuto alla Chiesa che Soffre" per far sì che i cristiani possano tornare nella Piana di Ninive e riedificare le loro case, le strutture pubbliche e i luoghi di culto dopo tre anni vissuti da sfollati interni nel Kurdistan iracheno.

Infine, grazie a Papa Francesco, riceveranno un sostegno le attività di due associazioni italiane attive soprattutto in Africa: la "Gicam" del professor Marco Lanzetta, chirurgo della mano, e "Amici del Centrafrica", da lungo tempo attivi in progetti dedicati soprattutto a donne e bambini.

GF Vip, Cecilia incinta: l'argentina risponde alla battuta di Ignazio Moser
Cecilia non ha cambiato idea, ha detto che lei non offende nessuno che per questo non si lascia offendere da Luca . A essere delusi dal comportamento di Ignazio , sono soprattutto i suoi genitori.

Italia, ecco come sarebbe la Nazionale di Ancelotti
Ma senza la forza attrattiva di un allenatore della prossima Italia di primo livello gli equilibri possono mutare. E questo Ancelotti lo sa benissimo.

G7 pari opportunità, Maria Elena Boschi: "Dedicato ai diritti delle donne"
Le rappresentanti dei governi di Canada, Giappone, Stati Uniti, Germania, Francia e Gran Bretagna rimarrano a Taormina fino al 16 novembre.