Influenza, virus molto infettivo. Tanti i modenesi ko

Influenza, virus molto infettivo. Tanti i modenesi ko

Il bollettino Influnet con il quale Istituto superiore di sanità informa sui dati relativi all'epidemia influenzale evidenziano che i più colpiti sono i bambini [VIDEO]nella fascia di età fino a 5 anni, tra i quali sono stati segnalati 12,68 casi ogni mille bambini.

Nei soggetti più deboli, come bambini piccoli, anziani e cardiopatici, tali sintomi possono anche avere un decorso mortale (lo scorso anno i decessi in Italia per cause direttamente riconducibili al virus influenzale sono stati 68) ed è per questa ragione che per queste categorie si consiglia ogni anno, prima dell'arrivo dell'epidemia, il ricorso al vaccino antinfluenzale.

Lazio, Inzaghi: 'De Vrij? Campione, ma il rinnovo...'
Come accade di consueto, al termine della partita i social sono stati invasi dai messaggi di alcuni biancocelesti. Avremo tempo per pensare al mercato , prima recuperiamo le energie verso la sfida di Milano.

IPhone X e "fratelli" peggio di iPhone 6/6 plus
Sarebbe un'operazione inedita per l'azienda e, sinceramente, noi ci crediamo poco. Iscriviti al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Il Miracolo di Natale: salvati mamma e figlio alla Clinica Malzoni
Il bimbo è nato in arresto cardiaco ma poi è stato rianimato dai neonatologi della terapia intensiva. Dopo alcune ore le condizioni di salute della donna e del piccolo sono tornate nella norma.

COME SI TRASMETTE l'influenza, come si può prevenire il contagio e la trasmissione? Seguito subito a ruota da "chi si vaccina non si ammala mai" e "dopo tre giorni, l'influenzato non è più contagioso". Il vaccino antinfluenzale è specifico, di anno in anno, per il virus dell'influenza in circolazione, ma non copre l'organismo contro quelli parainfluenzali, vale a dire i cosiddetti "cugini" del virus che tendono a scatenarsi già dalla fine dell'estate o quando l'inverno è mite: si manifestano con sintomi simili ma decisamente meno intensi rispetto all'influenza vera e propria. Efficace, perché assicura una buona copertura contro il rischio di complicanze da influenza e diminuisce la possibilità di contrarre la malattia. "Ogni anno, l'Ausl, in collaborazione con i medici di famiglia e i pediatri di libera scelta, garantisce la vaccinazione gratuita alle persone con malattie croniche, agli over-sessantacinquenni e agli addetti ai servizi essenziali". Non è possibile stabilire un tempo entro il quale il virus non sarà più pericoloso: ogni organismo ha una sua reazione agli agenti infettivi. L'influenza, in linea di massima, dura 7 giorni o poco più. Diventa importante quindi la prevenzione: lavarsi le mani, coprirsi la bocca con un fazzoletto o con il braccio quando si starnutisce o tossisce, e in particolare restare a casa quando si presentano i sintomi dell'influenza.