Apple potrebbe acquisire Netflix. Le indiscrezione parlano del 40% di probabilità

Apple potrebbe acquisire Netflix. Le indiscrezione parlano del 40% di probabilità

E' quanto dichiarato da alcuni analisti della Citigroup, banca di investimenti, che hanno valutato i possibili effetti che la riforma fiscale introdotta dal governo Trump in USA potrebbero avere sul mercato tech mondiale.

Gli analisti di Citi dicono che c'è una probabilità del 40% che Apple acquisisca Netflix. La grande "spesa" sarebbe facilitata dalla riforma fiscale messa in atto dal Presidente Trump.

La suggestione viene lanciata dagli analisti di Citi Jim Suva e Asiya Merchant, secondo cui il colosso di Cupertino potrà usare l'enorme quantità di contante disponibile (circa 252 miliardi di dollari, per lo più detenuti all'estero) per fare acquisizioni di un certo rilievo in patria.

Emma, il nuovo album "Essere qui" in uscita il 26 gennaio
La prima è un'immagine che la ritrae per le strade di New York in uno scatto della fotografa internazionale Kat Irlin . Essere qui e avere la possibilità di raccontarmi e di raccontare ed essere scelta e amata da così tante persone.

Scontro tra due auto a Gioia del Colle: quattro morti
Lo scontro - a quanto si è appreso - sarebbe avvenuto in un tratto dove non è posizionato lo spartitraffico. Nell'impatto hanno perso la vita tre giovani ed un uomo di 60 anni.

Coppa Italia, quarti di finale: Napoli-Atalanta, le probabili formazioni
Napoli (4-3-3): Sepe; Maggio, Maksimovic, Koulibaly, Hysaj; Zielinski, Diawara, Rog; Ounas, Mertens, Giaccherini. Napoli: Il tecnico partenopeo darà spazio a tutti coloro che hanno giocato meno minuti fino ad ora.

Apple "ha troppo contante, quasi 250 miliardi, e cresce di 50 miliardi all'anno". Inoltre, nel 2017, Apple ha assunto Picture Zack Van Amburg e Jamie Erlicht, la coppia di produttori che hanno lavorato alla produzione di alcune delle serie televisive di maggior successo, come Breaking Bad, The Crown e The Black List, e che sicuramente si impegneranno anche con l'azienda della mela morsicata a creare prodotti televisivi di altrettanta qualità.

Gli analisti di Citigroup, quindi, hanno stilato una classifica delle aziende che, con maggiore probabilità, potrebbero interessante ad Apple. In passato la società ha evitato di rimpatriare il cash per evitare una tassazione elevata. "Con oltre il 90% dei suoi contanti all'estero, verrebbe applicata una tassa di rimpatrio del 10% una tantum e Apple avrebbe $ 220 miliardi da spendere in fusioni e acquisizioni o riacquisti di azioni".

Netflix a parte, Apple per gli analisti potrebbe comprare Electronic Arts con una probabilità su 10, la stessa probabilità per l'acquisto di Activision e Take-Two, mentre c'è una probabilità del 5% dell'acquisizione di Tesla di Elon Musk. Apple è in un'ottima posizione per trarre vantaggio da una potenziale riforma fiscale, che si tratti della tassa sul rientro dei capitali o della aliquota più bassa dell'imposta sulle società, o di entrambi. In questo caso, secondo Forbes, l'acquisto del colosso di streaming video potrebbe essere visto più come l'innalzamento della bandiera bianca nel mondo dell'intrattenimento da parte dell'azienda di Tim Cook e questo sappiamo non sempre va di pari passo con la filosofia di Apple.