Falla 0-Day per macOS, Apple al lavoro per la patch correttiva

Falla 0-Day per macOS, Apple al lavoro per la patch correttiva

Sono passati circa 19 anni da quando lo spettro del Millennium Bug terrorizzò il pianeta per la sua minaccia, ma essendo appunto uno "spettro" la paura che potesse davvero minacciare concretamente il mondo in qualche modo, sparì con l'arrivo dei primi giorni dell'anno 2000. Nella sua nota, Intel ha sostenuto che, secondo gli studi effettuati negli ultimi mesi da diverse aziende, "molti tipi di dispositivi informatici - con processori e sistemi operativi di molti fornitori diversi - rischiano di essere interessati da queste vulnerabilità". 'Meltdown' è la tipologia di vulnerabilità che riguarda solo i microprocessori fabbricati da Intel, mentre 'Spectre' coinvolge oltre a Intel anche Arm e Amd.

Due falle che permetterebbero a chi fosse in grado sfruttarle, di rubare password, immagini e documenti sensibili presenti su qualsiasi dispositivo dotato di un processore.

Inizialmente si pensava che le falle fossero possibili a causa di un errore di progettazione su tutti i processori Intel dell'ultimo decennio.

Il colosso tecnologico statunitense Apple ha affermato in una nota che tutti i dispositivi Mac e iOS sono affetti da una vulnerabilità della sicurezza nelle unità di elaborazione centrale (CPU).

Manchester City, il 2017 finisce male: si infortunano due top!
Questo il contenuto: "Ho sostenuto un esame medico sul ginocchio sinistro che ha diagnosticato un lieve infortunio al legamento collaterale mediale".

Boxe, Tyson ora produce marijuana ai confini della Death Valley
Gli Stati Uniti avevano già consentito l'uso ricreativo della marijuana anche in Alaska, Colorado , Nevada , Oregon e nello stato di Washington.

Meteo 1 Gennaio: il 2018 inizia con maltempo al Centro-Nord
Quota neve in Appennino dai 900 metri del settore centrale fino ai 1300 metri di quello più meridionale. Temperature massime previste per la città di Lecco tra 10/12°C, minime non troppo fredde, tra 3/4°C.

La notizia ufficiale avrebbe dovuto essere comunicata solo il 9 gennaio, ma le prime indiscrezioni trapelate dalle varie agenzie di stampa, hanno convinto Mountain View ad anticipare di diversi giorni la comunicazione dell'esistenza del problema di sicurezza.

ARM, Intel e AMD sembra stiano collaborando per una risoluzione in tempi brevi della gravissima falla che le accomuna.

L'invito agli utenti è quindi di verificare la presenza di aggiornamenti e aggiornare i propri dispositivi.

In sostanza, Apple sta dicendo che il problema emerso ieri e scoperto da un gruppo di tecnici di Google legati a un progetto sulla sicurezza denominato "Project Zero", riguarda anche tutti o quasi i suoi dispositivi. Le patch verranno presto fornite con degli aggiornamenti. Nella giornata di ieri si è mossa immediatamente Microsoft, che ha rilasciato una patch per Windows bollata come "urgente". La società ha risolto in autonomia con gli ultimi update, come macOS 10.13.2.