Anche sanzioni pecuniarie al genitore che pubblica foto del figlio sul web

Anche sanzioni pecuniarie al genitore che pubblica foto del figlio sul web

A tanto ammonta la multa che dovranno pagare genitori che vorranno pubblicare foto dei propri figli minorenni su Facebook, Twitter, Instagram e altre piattaforme social.

La sentenza è storica in Italia: alla donna, infatti, è stato ordinato di rimuovere tutte le immagini e se pubblicherà ancora contenuti di questo genere rischierà una multa di 10 mila euro. A stabilirlo è un'ordinanza del tribunale di Roma, emessa il 23 dicembre 2017, dopo il caso di un ragazzino di 16 anni che aveva chiesto "tutela" contro la madre, che aveva postato sul web foto e commenti su di lui.

Si tratta di un precedente unico nel nostro Paese per la tutela dei minori, anche se sonoparecchie le decisioni che hanno costretto genitori a disattivare i profili social dei figli o a rimuoverne le foto pubblicate nelle proprie pagine. E' quanto stabilito dalla I sezione del Tribunale civile di Roma che ha accolto la richiesta avanzata dal tutore di un 16enne. Il riferimento giuridico che ha portato alla decisione del giudice è l'articolo 96 della legge sul diritto d'autore che prevede che il ritratto di una persona non possa essere esposto senza il suo consenso, salve eccezioni.

Grasso:via precariato, tasse università
La priorità si chiama lavoro: servono investimenti per dare lavoro e ridurre la giungla dei contratti precari. Senza queste cose non facciamo nulla con nessuno.

Registrazione trono classico di Uomini e Donne 5 Gennaio 2018
Si prosegue con l'esterna di Sara e Luigi che si incontrano per fare shopping e una passeggiata sul lungotevere. In molti sono coloro che si chiedono che lavoro porta avanti la coppia di coniugi.

Elezioni, +Europa di Bonino in lista con Tabacci supera problema firme
Che ha poi spiegato nuovamente la questione della raccolta firme: "I potenziali alleati non sono in grado di mettere i loro candidati perché ancora non li hanno neanche iniziati a negoziare".

Inoltre, il tribunale cita l'articolo 16 della Convenzione sui Diritti dell'Infanzia che tutela la vita privata del minore. Il collegio hanno imposto alla madre il divieto di diffondere su internet "notizie, dati, immagini e video" del ragazzo.

La Cassazione, del resto, aveva già ritenuto che il consenso di uno dei genitori non potesse escludere l'illiceità della condotta di chi pubblica le foto del minore se la diffusione è dannosa.