Nuovo attacco di aerei israeliani in Siria, colpita Damasco

Nuovo attacco di aerei israeliani in Siria, colpita Damasco

Tensione in Siria dove Israele ha attaccato un deposito di armi di una base dell'esercito siriano, vicino a Al-Katifa, sobborgo Est di Damasco. Secondo una fonte dell'esercito di Damasco, l'attacco è avvenuto con aerei e missili terra-terra; per il sito dell'opposizione siriana, Qasioun website, 4 aerei hanno condotto l'operazione attraverso lo spazio aereo libanese.

Le Forze armate dello Stato ebraico non hanno né confermato né smentito, come fanno di solito.

Lo stesso comunicato riferisce anche di aver abbattuto uno dei missili israeliani, mentre gli altri sono caduti su siti militari causando danni materiali.

Dal Belgio (ore 6): Corentin Fiore va al Palermo
Quello di difensore centrale è il ruolo nel quale dò il meglio, ma se l'allenatore mi dirà di giocare da esterno io lo farò senza alcun problema.

Germania, spari contro l'auto del giocatore Naki: "Attentato politico, sono un bersaglio…"
Naki infatti ha spiegato di essersi istintivamente spostato sulla corsia di destra con l'auto non appena ha sentito gli spari . Secondo quanto riportato dai media tedeschi, due proiettili avrebbero colpito la macchina, ma Naki sarebbe rimasto illeso.

Tragedia a Messina, giovanissima perde la vita in un incidente stradale
Purtroppo nello schianto è deceduto un ragazzo di 21 anni e altre tre persone coinvolte nel sinistro sono rimaste ferite. Come detto, il padre di Irene era morto a 30 anni a seguito di un incidente in moto sul lungomare di Terme Vigliatore .

Ancota una volta, l'aviazione israeliana colpisce il territorio siriano.

Al momento da Israele non arriva nessuna conferma dell'attacco né tanto meno arriva conferma in merito al fatto che un caccia sarebbe stato colpito dalla contraerea siriana. Ed anche per il progressivo riempimento dell'arsenale missilistico del regime di Assad, dopo il suo uso nella guerra contro i ribelli. L'obiettivo strategico di Teheran è avere la possibilità di aprire un secondo fronte con Israele, nella zona di confine fra le Alture del Golan e la frontiera con la Giordania, in caso di attacco israeliano a Hezbollah in Libano.