Operazione Stige. Gratteri: la cosca controlla il "respiro" delle attività commerciali

Operazione Stige. Gratteri: la cosca controlla il

"Questa, per numero di arresti, è la più grande operazione degli ultimi 23 anni". Lo ha detto il sostituto procuratore della Dda di Catanzaro, Vincenzo Luberto, che ha poi aggiunto: "E l'elezione di uno e le spiegazioni all'altro perché non era stato preferito". Ed una delle poche volte in cui il comandante generale dell'Arma partecipa ad una conferenza. "È il risultato di un progetto, di un'idea che avevo già in mente prima di arrivare qui a Catanzaro". "E lui da subito ha mandato giù i suoi migliori uomini". "Non possiamo più parlare di infiltrazione dei clan nella vita economica - ha spiegato - ma siamo di fronte a una immedesimazione tra 'ndrangheta e imprenditoria". L'indagine è riuscita quindi a delineare il quadro complessivo degli interessi illeciti gestiti in ambito nazionale e estero dal sodalizio indagato, verificando altresì la disponibilità di ingenti risorse finanziarie che venivano reimpiegate in numerose iniziative imprenditoriali e commerciali nel nord-Italia e in Germania. Tra questi figurano il sindaco di Cirò Marina e presidente della Provincia di Crotone, Nicodemo Parrilla, accusato di associazione mafiosa e ritenuto dagli inquirenti il rappresentante della cosca nelle istituzioni locali.

Ryanair cambia il regolamento sul bagaglio a mano
Se però il bagaglio supera in dimensioni o peso il limite, si dovrà pagare un supplemento di 50 euro per bagaglio . In questo modo si potranno rendere più veloci le procedure d'imbarco ed eliminare eventuali ritardi.

Lite con Mourinho, Antonio Conte spiega: "Vi sembro uno che…"
Era il 1995/96, i giocatori della Juventus furono accusati di trasfusioni di sangue per migliorare le prestazioni sportive. Scendono in campo anche i professionisti della comunicazione nella querelle mediatica tra Antonio Conte e José Mourinho .

Morto il manager scomparso da Giubiasco
Stando al racconto dei figli, nei giorni precedenti la scomparsa non aveva mostrato segni di preoccupazione o malessere. La sua auto era stata poi trovata, grazie al gps, il 29 dicembre, all'angolo tra viale Monza e via Pozzi .

Le indagini hanno consentito poi di ricostruire la ramificata rete di imprenditori compiacenti e collusi che, sulla base di un rapporto perfettamente "sinallagmatico", ottenevano rapidi pagamenti dalle pubbliche amministrazioni, recuperi crediti, lavori e commesse, pubbliche e private, riconoscendo di contro al sodalizio, i più diversificati favori, dalle assunzioni, ai finanziamenti, all'elargizione di somme di denaro, contribuendo efficacemente e consapevolmente all'accrescimento del potere mafioso sul territorio. In collegamento dalla Germania vi è, infatti, Filippo Spiezia, anello di congiungimento per le attività investigative svolte Oltralpe e plastica dimostrazione dello sforzo compiuto congiuntamente ad Eurojust per raggiungere l'obiettivo. Nel corso dell'operazione dei Carabinieri del Ros, oltre agli arresti, sono sono stati anche sequestrati beni ritenuti riconducibili alla cosca Farao-Marincola per oltre 50 milioni di euro complessivi.