Rifiuti dal Lazio, Renzi: stop alle polemiche, pulite Roma

Rifiuti dal Lazio, Renzi: stop alle polemiche, pulite Roma

Quindi in questa ricostruzione sarebbe il Campidoglio ad essere corso ai ripari: "Al momento Roma raccoglie i rifiuti e prova a conferirli nelle poche strutture della Regione che, però, sono evidentemente insufficienti - seguita l'Assessora Montanari - Si tratta di un sistema fragile che stiamo rendendo forte e stabile con la richiesta di autorizzazioni per costruire impianti di compostaggio e di riciclo; con l'estensione della raccolta differenziata spinta a oltre 1 milione abitanti nel 2018". Montanari intanto si augura che l'Abruzzo dia il via libera alla richiesta di accogliere i rifiuti e il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D'Alfonso, ha assicurato: "Non siamo insensibili al problema ma vogliamo conoscere i termini della questione: vogliamo un curriculum sui termini dell'emergenza rifiuti, sui tempi, sulle quantità e su quello che stanno facendo per riorganizzarsi rispetto a questo dramma". Gian Luca Galletti, ministro dell'Ambiente, quanto la preoccupa la vicenda dei rifiuti di Roma, in questa fase? Perché per noi i cittadini vengono prima dei compagni di partito. Peraltro, se è vero ciò che ho letto oggi, e non ho motivo di dubitarne, Ama ipotizza di portare i rifiuti in Abruzzo. La Regione Lazio in realtà ha individuato gli impianti disponibili, il Campidoglio deve fare riferimento a questi. In sostanza vuole essere sicuro che l'emergenza di Roma non sia eterna. "E la si smetta di dire che si stanno progettando impianti di compostaggio, che indubbiamente servono per il rifiuto differenziato, ma oggi Roma ha esigenza di trattare rifiuto indifferenziato e l'assessore Montanari non può pretendere con arroganza di usare quelli degli altri, accusando di inerzia tutti coloro che cercano di darle una mano". "La legge impone ai Comuni e alle Province di scegliere i siti di smaltimento e alla Regione di includerli in un piano regionale". L'attacco arriva anche dalla deputata e presidente del Pd del Lazio Lorenza Bonaccorsi: "Roma affoga nei rifiuti per non disturbare la campagna elettorale di Luigi Di Maio e del Movimento 5 stelle" le sue parole su Facebook. Se i Comuni e le Province non scelgono, la Regione non può pianificare. "Da più di tre anni Roma Capitale chiede alla Regione Lazio di accordarsi con l'Abruzzo per conferire rifiuti romani in quella, generosa e solidale Regione ed il Lazio ha sempre siglato gli accordi necessari". Poi rinnovato annualmente il 16 ottobre 2015 e pure nel 2016 e 2017. "Prima di iniziare a trasferire i rifiuti in Emilia Romagna, la città di Roma ha cambiato idea - ha proseguito Matteo Renzi in un post - I giornali scrivono che da Milano (forse un'azienda privata? forse una società di sondaggi? forse un piccione viaggiatore?) qualcuno ha suggerito alla sindaca di non farsi aiutare da un amministratore del PD come Bonaccini". Che le regioni dimostrino solidarietà reciproca è positivo, ammette il ministro Galletti, che però contesta la politicizzazione della reiterata emergenza rifiuti a Roma da parte della giunta guidata sindaco Virginia Raggi: "Roma non può permettersi un'emergenza rifiuti come quella che si sta prefigurando ancora una volta".

Pedopornografia. Il bilancio della Polizia Postale: 17mila le segnalazioni
Il compartimento della polizia postale della Sicilia orientale ha monitorato circa 1.520 spazi web e rimosso diversi contenuti. È il bilancio delle attivitò contro la pedo pornografia svolte dalla Polizia postale e delle comunicazioni.

NVIDIA porta il PC Gaming su schermo gigante grazie a BFGD
Con la tecnologia NVIDIA Shield , i monitor BFGD di NVIDIA supporteranno varie funzionalità come Google Assistant e NVIDIA GameStream .

Serie A, la classifica e risultati dopo la ventesima giornata
Ampia vittoria della Lazio in casa della Spal (5-2), con poker di Immobile che diventa capocannoniere con 20 reti. Subito a ridosso della zona Europa League, Udinese e Fiorentina vengono raggiunte a 28 punti da Torino e Milan .

Richiesta da noi inoltrata e in attesa di risposta. "Il Ministero ha promosso in questi mesi un tavolo tecnico con Regione e Comune per affrontare i nodi strutturali che compromettono la chiusura del ciclo integrato dei rifiuti: è emerso ciò che è chiaro a tutti, ovvero la cronica carenza impiantistica, che determina una situazione particolarmente delicata nella Capitale".