Abidal, Messi disse 'non mandarci video'

Abidal, Messi disse 'non mandarci video'

Finendo inevitabilmente per distorcere il reale pensiero del francese. In una recente intervista, rilasciata ai microfoni di Canal Plus, Abidal ha svelato un retroscena che fece particolarmente male ai compagni blaugrana.

Tra i ricordi riaffiorati c'è quello di quando mandò un video-messaggio ai suoi compagni per incoraggiarli prima di una partita, con un Messi molto provato nel vederlo: "Ci sono compagni che mi hanno visto molto magro". Messi mi rispose di non mandarne più perché così facendo ottenevo un effetto contrario.

Dunque, la testimonianza su Messi e sui compagni di squadra. Niente di più diverso dalla realtà. "Era insopportabile, come un coltello che lentamente s'infila in una ferita aperta - ha spiegato a Dacourt - Quando il medico mi disse che avrei dovuto fare un' altra operazione, paradossalmente ero felice". "Ma loro mi vedevano come un cadavere e questo li rendeva tristi".

Macron a Roma: incontro con Mattarella e Gentiloni
Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella , ha ricevuto al Quirinale il suo omologo francese Emmanuel Macron . Il modello sarebbe il celebre 'Trattato dell'Eliseo', che Parigi siglò con la Germania dell'Ovest nel 1963.

Parigi. Furto di gioielli allʼhotel Ritz. Ritrovata parte della refurtiva
Tre rapinatori sono stati subito fermati, ma due sono scappati anche se adesso sono braccati dalla polizia. Secondo alcuni testimoni, i rapinatori erano armati di pistole, fucili e forse persino un'ascia.

Romina Power: a New Orleans scomparse centinaia di ragazze non solo Ylenia
Forse un giorno Romina Power scoprirà la verità su Ylenia . "Perché non è stato fatto nulla per fermare tutto questo?". A 24 anni dalla scomparsa di sua figlia, Romina Power non si dà ancora pace e su Twitter scrive: "Dov'è Ylenia? ".

Abidal, che ha chiuso la carriera da calciatore all'Olympiakos nel 2014, ha vinto praticamente tutto: 3 volte il campionato francese, 3 volte la Supercoppe francese, 4 volte la Liga, 2 volte la Copa del Rey, 4 volte la Supercoppa spagnola, 2 volte la Champions League, 1 Mondiale per Club e una Supercoppa Europea. Registrai un video prima di una gara importante, dicendo loro di non preoccuparsi per me, perché era come se fossi lì con loro. Io pensavo di avere un bell'aspetto e quindi dicevo: "Forza ragazzi".

Commovente la visita di Thierry Henry a New York: "Quando lo vidi in fondo al corridoio cominciai a piangere come un bambino. Non volevo che mi vedesse così, ma mi faceva davvero tanto piacere che fosse venuto a trovarmi".