Scoperta una falla in WhatsApp che mina la sicurezza dei gruppi privati

Scoperta una falla in WhatsApp che mina la sicurezza dei gruppi privati

Queste saranno l'alter-ego delle note vocali, e si differenzieranno da esse grazie alla possibilità concessa agli utenti di inviare oltre all'audio anche un breve filmato.

La crittografia end to end permette di nascondere le conversazioni tra un utente e un altro a tutte quelle persone che non sono il mittente e il ricevente dei messaggi. Come testimoniano alcuni utenti starebbe circolando un nuovo messaggio bufala che sta diventando viirale sul web.

Dall'inizio del 2016 il servizio è rimasto totalmente gratuito richiedendo solo il periodico aggiornamento dell'app, anch'esso completamente gratis.

Vista da questo lato, la cosa spaventa di meno, ma com'è che si dice? Basterebbe, infatti, una rapidissima ricerca su internet per capire che non c'è alcun fondo di verità.

Molestie, Weinstein schiaffeggiato al ristorante. C'è il video
Nessuna reazione per Weinstein che ha preferito andar via dal ristorante senza nemmeno chiamare la Polizia. Quando poi i due sono usciti quasi contemporaneamente e' avvenuta l'aggressione.

Dolly Everett, suicida a 14 anni vittima dei bulli: Australia sotto shock
L'uomo ha invitato chi ha angariato la figlia fino a spingerla ad uccidersi ad andare ai suoi funerali . Quello che è successo, ha scritto, "è l'esempio di come i social non vanno utilizzati".

Arsenal, deciso il sostituto di Wenger: accordo con Ancelotti
Come riferiscono gli inglesi 'The Sun' e 'Daily Star' , Carlo Ancelotti sarebbe il profilo più ricercato dall'Arsenal . Ragion per cui scatta un giro di valzer sulle panchine per la nomina del nuovo commissario tecnico della Nazionale .

La verità è che l'azienda, ora nelle mani di Facebook, non farà mai pagare nuovamente l'app e in ogni caso annuncerebbe una modifica così importante su tutti i suoi social - che invece tacciono - e soprattutto attraverso una notifica interna all'app.

Si tratta di una funzione che conoscerà già chi utilizza Telegram, dove è già presente da tempo qualcosa di simile.

Quando un'applicazione raggiunge il successo ottenuto da WhatsApp è normale che nascano delle catene di Sant'Antonio. Perché nascono? E' pericoloso riceverle? Infatti, dimostrando di poter essere utilizzatori assidui di Whatsapp, si potrebbe bypassare il pagamento e dunque continuare ad utilizzare gratuitamente la app. E non è la prima volta che viene annunciata la svolta a pagamento del famoso sistema di messaggistica. Il problema si riferisce alla sicurezza e alla privacy dei gruppi privati di WhatsApp. Questo messaggio non deve essere inviato a tutta la rubrica e bisogna fare sempre attenzione che non sia accompagnato da dei link pericolosi o da malware.