Tasse, l'Europa pronta a annunciare un balzello sulla plastica

Tasse, l'Europa pronta a annunciare un balzello sulla plastica

La plastica vecchia, i sacchetti di plastica, il materiale di imballaggio vanno in Cina e diventano giocattoli per i nostri bambini. Ciò che è certo è questa proposta viene direttamente dall'Europa. Occhio, perchè a breve l'Europa varerà una tassa sulla plastica.

La nuova tassa sulla plastica è prevista allo scopo di ridurre - a livello globale - i consumi della plastica inquinante.

Abidal, Messi disse 'non mandarci video'
Registrai un video prima di una gara importante, dicendo loro di non preoccuparsi per me, perché era come se fossi lì con loro. Commovente la visita di Thierry Henry a New York: "Quando lo vidi in fondo al corridoio cominciai a piangere come un bambino.

Sydney si veste d'azzurro! Fognini e Giorgi volano in semifinale
Il36enne senese n.45 al mondo è stato invece eliminato 6-3 6-3 dal19enne russo Danil Medvedev, n.84 del ranking Atp. Altra vittoria per l'armese Fabio Fognini all'Atp 250 Sydney , dotato di un montepremi di 468.910 dollari.

Dolly Everett, suicida a 14 anni vittima dei bulli: Australia sotto shock
L'uomo ha invitato chi ha angariato la figlia fino a spingerla ad uccidersi ad andare ai suoi funerali . Quello che è successo, ha scritto, "è l'esempio di come i social non vanno utilizzati".

Una tassa sulla plastica per reperire risorse da destinare al bilancio europeo: è l'idea che la Commissione Ue presenterà la prossima settimana, secondo quanto ha annunciato dal commissario al bilancio Gunter Oettinger. La tassa andrà in ogni modo a sanare i bilanci delle casse europee, colmando in parte quel buco da 12-14 miliardi che si aprirà dopo la Brexit. Il Commissario europeo al Bilancio, il tedesco Guenther Ottinger, infatti, ha promesso una "legislazione fiscale più incisiva" volta a debellare l'uso della plastica. Ma un'altra tassa - sugli imballaggi di plastica - stavolta sì voluta da Bruxelles, potrebbe essere dietro l'angolo. A pagare sanno i consumatori (come già avviene per i sacchetti della spesa) o i costi graveranno sui produttori? "Dal primo gennaio la Cina ha chiuso il mercato e noi dobbiamo ridurre la quantità di plastica".

Si tratta di una 'strategia europea sulle plastiche', nell'ambito della politica per lo sviluppo di un'economia 'circolare' sostenibile e rispettosa dell'ambiente. "Noi produciamo e utilizziamo troppa plastica", ha insistito il Commissario, "nonostante il riciclaggio questa plastica finisce nei rifiuti, nell'interesse dei mari, degli animali, dei pesci e dei mammiferi, nell'interesse dei nostri paesaggi dobbiamo ridurre la quantità di plastica utilizzata. Non è infatti chiaro cosa andrà a colpire il balzello, se le componenti che si usano per fabbricarla oppure il prodotto finito, e se ci saranno esenzioni, ad esempio, per prodotti di uso quotidiano come i cartoni del latte".