Spelacchio non è morto! Tornerà a vivere in Val di Fiemme

Spelacchio non è morto! Tornerà a vivere in Val di Fiemme

Roma, 10 gen. - (AdnKronos) - Non finiscono i guai per Spelacchio. L'Authority presieduta da Raffaele Cantone ha infatti richiesto al Campidoglio una serie di risposte, da fornire entro 30 giorni, relative ai costi sostenuti per acquistare l'abete, per trasferirlo e piantumarlo. Già dal nome, infatti, si capiva che l'albero sarebbe stato destinato al successo: Spelacchio è diverso dall'aggettivo spelacchiato. "Il M5s dice che il simbolo della loro economia è un albero che hanno fatto morire".

Non ha pace l'albero di Natale allestito dal Comune di Roma in piazza Venezia. "Spelacchio" resta lì fino a venerdì. Formalmente, non lo ha deciso nessuno. Dall'Anac per ora si spiega quindi che l'importo è quasi identico a quello del 2015, quando però gli abeti erano due.

Sampdoria, Ferrero: "I nostri talenti restano. Mercato in entrata? Vi dico che..."
Cessioni? Non va via nessuno , la squadra è compatta e non abbiamo bisogno di nulla neanche in entrata: "ci rivediamo a giugno".

Il Game Boy torna in estate e in versione Ultra
La console sarà compatibile con tutti i giochi usciti Game Boy e Game Boy Color, mentre le cartucce GBA non saranno supportate. Chiaramente la retroilluminazione può essere spenta per accedere all'esperienza di gioco originale.

Apple ridurrà la produzione di iPhone X a causa della bassa domanda
Come detto ad inizio articolo, l'iPhone X sarebbe lo smartphone più venduto a novembre 2017 anche in Gran Bretagna . Anche Windows perde trazione con una quota dell'1,9% contro il 4% dello scorso anno.

Non si è presentata nemmeno la sindaca, indaffarata in Consiglio comunale per far votare alla sua maggioranza il cambio dello Statuto del Campidoglio, mossa peraltro andata a vuoto perché i grillini non sono riusciti a raggiungere il quorum. "L'albero - la replica dell'assessore all'Ambiente, Pinuccia Montanari - è costato meno del passato". "Abbiamo raccolto migliaia di messaggi che le persone hanno lasciato sui rami di Spelacchio e li pubblicheremo in un libro che metteremo a disposizione di tutti", ha annunciato la Montanari. "Spelacchio è diventato famoso in tutto il mondo e lo dobbiamo a questa città". Chiosa molto romanesca: "Avoja a risolvere i problemi di Roma".

Una volta realizzata, la struttura tornerà a Roma e sarà donata all'amministrazione capitolina che nel frattempo sta pensando anche di realizzare gadget e memorabilia in ricordo di Spelacchio. Dopo il "giallo" di qualche giorno fa, con gli addobbi prima smontati e poi rimontati nel giro di pochi minuti, l'abete rosso di 22 metri verrà tagliato e poi partirà verso il Trentino, dove sarà trasformato in una "Baby little home", una casetta in legno che consentirà alle mamme di accudire i propri bambini con fasciatoio, poltrona per l'allattamento e tavolino da gioco per i piccoli.