Zevio, senzatetto bruciato vivo, due minorenni indagati: 'Era uno scherzo'

Zevio, senzatetto bruciato vivo, due minorenni indagati: 'Era uno scherzo'

In un primo momento si era pensato ad un incidente: Ahamed Fdil era un accanito fumatore ed appariva plausibile che l'uomo si fosse addormentato con una sigaretta accesa provocando l'incendio.

A indirizzare le indagini verso i due giovani sono state anche le immagini delle telecamere di sicurezza. Il gioco messo in atto da due minorenni, di tredici e diciassette anni, della provincia di Verona, ai danni di un clochard, nel mese di dicembre, è finito male. Ma gli accertamenti dei militari dell'Arma hanno portato alla luce la nuova, terribile, ipotesi.

Cile, proteste contro il Papa: gruppo occupa nunziatura a Santiago
Bachelet ha osservato che il governo ha fatto tutto quanto è in suo potere per la pianificazione e organizzazione del viaggio. La giornata è cominciata con quattro attacchi a chiese , in diverse zone di Santiago , per protestare contro la visita.

Fca investe 1 miliardo e premia i dipendenti
Sale così a 10 miliardi di dollari il totale degli investimenti effettuati da Fca , a partire dal giugno del 2009, negli Stati Uniti .

Calciomercato Roma, Monchi punta Darmian ma c'è anche il Benfica
La Juventus ora prova a superare definitivamente la concorrenza e a portarsi a casa Matteo Darmian dal Manchester United . Per il ritorno del terzino in Italia, pero', non e' ancora arrivato il via libera di Josè Mourinho .

Nell'immediato in paese si erano levate diverse voci che ricordavano una serie di "atti persecutori" da parte di gruppetti di ragazzini nei confronti di Gary il buono, alle volte semplici insulti, ma in altre circostanze veri e propri attacchi fisici, anche attraverso il lancio di petardi. "Anche quella sera ho sentito un botto, e quando mi sono affacciata alla finestra ho scorto le fiamme che salivano". "Era solo uno scherzo - hanno spiegato i due giovani indagati - non l'abbiamo fatto apposta".

A parlare è il 13enne, forse perché data l'età non è imputabile, sospettato assieme a un amico di 17 anni di aver dato fuoco al senzatetto. Gli avvocati della famiglia della vittima non hanno invece dubbi che si sia trattato di omicidio volontario. "Ora la notizia della sua morte ha chiaramente sconvolto tutti i familiari del clochard, i quali aspettano con ansia il rimpatrio della salma per celebrare il funerale, ma soprattutto che la giustizia italiana faccia chiarezza su una vicenda dai contorni ancora oscuri".