Ponte sullo Stretto, Conftrasporto applaude Berlusconi

Ponte sullo Stretto, Conftrasporto applaude Berlusconi

"Solo i demagoghi e coloro che puntano alla decrescita felice o che stoltamente non credono all'integrazione delle diverse modalità, possono esprimersi come coloro che sono intervenuti sul rilancio della realizzazione del Ponte sullo Stretto - incalza Uggè - Le risorse 'sprecate' sono il frutto delle penalità riconosciute per il mancato rispetto dei tempi rispetto agli impregni assunti con chi aveva vinto le gare di appalto". Ma è in occasione delle elezioni legislative che il tema, ricorrente, viene sempre tirato fuori dal cilindro.

Silvio Berlusconi entra in scena pesantemente nell'ambito della campagna politica nazionale e lancia un suo vecchio cavallo di battaglia: il Ponte sullo Stretto. E non solo, visto che finisce all'interno della "Legge obiettivo" con la quale, nello stesso anno, il governo Berlusconi II tentò di dare una sterzata alla politica di gestione e manutenzione delle infrastrutture italiane.

Enel sarà main sponsor della MotoE World Cup
La multinazionale energetica, inoltre, diventa partner delle competizioni iridate grazie all'accordo firmato con Dorna. Enel darà il nome al campionato MotoE , la futura serie a moto elettriche che entra a far parte del MotoGP dal 2019 .

Safer internet day, anche a Viterbo la polizia postale incontra le scuole
Per esempio, abbiamo le immagini che vengono pubblicate e che sono parte integrante delle relazioni degli adolescenti. Sei adolescenti su dieci sono stati vittime di esperienze negative durante attività di streaming live.

Youth League: pazzo finale, l'Inter elimina lo Spartak ai rigori
A San Siro termina ai calci di rigore il match contro lo Spartak Mosca , dopo il 3-3 maturato sul campo. A disposizione: 12 Tintori, 2 Valietti, 4 Nolan, 7 Rover , 16 Rada, 17 Gavioli, 20 Odgaard .

Puntuale come le tasse, grazie all'imminente apertura delle urne, Berlusconi ha così deciso di giocare ancora una volta la stessa carta: "Serve un grande piano per il sud - ha spiegato - soprattutto per le infrastrutture. Il contrario di quello che vuole fare il Movimento 5 Stelle che non vuole l'opera inutile in Sicilia, ma pensando alle tante opere piccole utili per il territorio reggiano dall'Appennino alla bassa". Sono stato in Sicilia e ho trovato un disastro: è una regione in agonia - ha dichiarato il Presidente di Forza Italia in un'intervista rilasciata a Telelombardia. E qual è la priorità?

"Prima di pensare ad opere mastodontiche - aggiunge D'Uva - è doveroso riguardare la rete trasporti in Sicilia dove a fare da padrone sono strade e autostrade "colabordo", reti ferroviarie scandalose, tragitti provinciali preda di interruzioni, frane mai sistemate: un'odissea per cittadini e lavoratori".