L'uomo dai 'tre volti': doppio trapianto di viso a Parigi

L'uomo dai 'tre volti': doppio trapianto di viso a Parigi

Dopo il rigetto cronico del trapianto al quale si era sottoposto nel 2010, per la prima volta al mondo gli è stato reso un secondo viso.

L'operazione é stata portata avanti dall'equipe di chirurghi del professor Laurent Lantieri, tra i quali figura l'italiano Francesco Wurz, napoletano. Riporta Il Mattino che l'intervento, avvenuto a sette anni di distanza dal primo, è riuscito perfettamente e l'uomo è ora sotto stretta osservazione. Nell'equipe che ha portato a termine l'intervento risulta presente anche Francesco Wirz, un chirurgo italiano di 34 anni. Jerome Hamon è affetto da una patologia genetica degenerativa che gli comporta una deformazione del volto. I sintomi del rigetto si sono manifestati con la comparsa d zone di necrosi sulla faccia, per cui i medici, onde evitare il pericolo di complicazioni, gli hanno asportato il viso che gli era stato impiantato in precedenza. Il 30 novembre scorso, diventa indispensabile l'asportazione del primo trapianto effettuato. "Questo rappresenta una prima mondiale, nel caso di rigetto del trapianto di faccia apre nuove prospettive sulla possibilità di un secondo impianto".

Fiorentina-Juve nel segno di Federico Bernardeschi
Ha vinto in Italia e sta tentando di vincere in Europa, cosa che non succede a una squadra del nostro Paese da diversi anni. Quante pensi di farne ancora? Per quanto riguarda il fronte offensivo, è vivo il ballottaggio tra Thereau e Gil Dias .

Salvini, "Islam non compatibile con la nostra Costituzione"
Il leader della Lega è tranchant: "Non rispondo agli insulti di Orlando: lui e il suo governo farebbero meglio a lavorare". "Penso che in Abruzzo la situazione più delicata sia quella sulla sanità , ma è quello che ho visto da stamattina partendo dall'Umbria e passando per le Marche".

Incatenano il figlio disabile al letto, arrestati i genitori e la sorella
L'abitazione non era in condizioni igieniche accettabili e il 36enne non e' in grado di comprendere quello che accadde intorno. Era costretto a vivere traletto e armadio: due lucchetti lo ancoravano , da un lato, alletto e, dall'altro, ad un armadio.

Il 15 gennaio è stato trovato un possibile donatore, il volto quindi è stato asportato da un'equipe chirurgica e impiantato sull'uomo da una seconda. Da quel giorno entra in lista di attesa ufficiale per un secondo trapianto di faccia e rimane per diverse settimane senza viso in rianimazione nel reparto di chirurgia plastica dell'ospedale Georges Pompidou. "E' importante, come nella chirurgia, arrivare fino in fondo".