Futuro stadio San Siro, l'esito del primo incontro a Palazzo Marino

Futuro stadio San Siro, l'esito del primo incontro a Palazzo Marino

Nella giornata di ieri è andato in scena l'ennesimo summit interlocutorio tra Comune, Milan e Inter per lo stadio, ma si è arrivati a stilare un'agenda dei futuri incontri che dovrebbero portare a prendere una decisione definitiva entro l'estate.

A rappresentare l'Inter, l'amministratore delegato Alessandro Antonello, il Cso Michael Williamson e il consigliere Nicola Volpi; per il Milan presente l'amministratore delegato Marco Fassone e il Ceo Alessandro Sorbone. Un nuovo impianto di proprietà per quanto riguarda il club rossonero, ma soprattutto il futuro di San Siro, l'attuale casa delle due milanesi.

NUOVA CONVENZIONE - L'incontro di oggi è servito a fare chiarezza in particolare sul primo punto.

Disney pronta a sfidare Netflix. Prime informazioni
Una cosa è chiara: al lancio saranno presenti prodotti originali dedicati ai personaggi Marvel e all'universo di Star Wars . Il costo dell'abbonamento mensile non è stato invece stabilito.

Vaccini. Lorenzin: "Non ci saranno proroghe alla scadenza del 10 marzo"
La teoria di Beatrice Lorenzin davanti agli studenti delle medie a Modena: ieri la sfida era Stamina , oggi sono gli anti-vaccinisti .

Sanremo: il balletto di Hunziker e Favino fa il boom di visualizzazioni
La promessa di emulare alcuni dei suoi idoli, fra cui Ugo Tognazzi, lo ha visto vincente sotto ogni punto di vista. La reazione del pubblico da casa è stata più che positiva, per un attore che gode comunque di un'ampia popolarità.

L'incontro avvia il percorso verso il futuro assetto di San Siro.

RESTANO LE CORSIE PARALLELE - Nei giorni scorsi Inter e Milan hanno condiviso per la prima volta il progetto di interventi per lo stadio, predisposto da circa due anni dal club nerazzurro per delineare una ristrutturazione che ha comunque ancora bisogno di entrare nei dettagli. L'elemento centrale è rappresentato dal ritorno al regime precedente alla finale di Champions League del 2016 quando l'accordo venne rivisto dal momento che servivano lavori significativi per ammodernare l'impianto in vista dell'evento europeo.