Giorno del Ricordo: Arzignano ricorda i Martiri delle Foibe

Giorno del Ricordo: Arzignano ricorda i Martiri delle Foibe

Grosseto: Sabato 10 febbraio alle ore 10:00 presso il Parco della Rimembranza sulle Mura Medicee a Grosseto, la federazione provinciale di Fratelli d'Italia, formazione politica che fa capo a Giorgia Meloni, sarà presente per rendere omaggio con una cerimonia commemorativa, ai Martiri d'Istria e a tutte le vittime barbaramente trucidate durante l'esodo e la deportazione in Dalmazia nella ex Jugoslavia. Una tragedia provocata da una pianificata volonta' di epurazione su base etnica e nazionalistica. Il corteo che si è snodato lungo Via Martiri delle Foibe ha visto la partecipazione di circa un centinaio di cittadini.

Noi dobbiamo ricordare per non dimenticare e per contrapporre ai totalitarismi e ai nazionalismi vissuti nel Novecento una prospettiva di pace, di crescita comune, nella democrazia e nella libertà. "Oggi, grazie anche all'Unione Europea, in quelle zone martoriate, si sviluppano dialogo, collaborazione, amicizia tra popoli e stati", conclude Mattarella.

"Le stragi, le violenze, le sofferenze patite dagli esuli giuliani, istriani, fiumani e dalmati non possono essere dimenticate, sminuite o rimosse" perché ci ammoniscono dei "gravissimi rischi del nazionalismo estremo e dell'odio etnico".

Inter-Bologna streaming e formazioni del match
A centrocampo, chiavi del gioco affidate a Pulgar, con Dzemaili e Poli ai lati. L'incontro si disputerà a San Siro e sarà arbitrato da Paolo Valeri.

Terremoto, scossa di magnitudo 3.7 nel reggino
La Protezione Civile della Regione Calabria sta effettuando un costante monitoraggio dell'evento. La scossa è stata avvertita, anche se in maniera lieve, in alcune zone del messinese.

Juventus, squadra a lavoro in vista del Tottenham: domani parla Allegri
Tottenham (4-2-3-1): Lloris; Trippier, Sanchez, Vertonghen, Davies; Dembele, Dier; Son, Eriksen, Alli; Kane . Non è infatti prevista nessuna trasmissione in chiaro su Canale 5 [VIDEO ].

Il 10 febbraio di ogni anno è stato riconosciuto quale "Giorno del Ricordo" dalla legge n.92 del 30 marzo 2004, al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia di tutte le vittime delle foibe, ricordando altresì l'esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati nel secondo dopoguerra, nell'ambito della complessa vicenda del nostro confine orientale.

La Lombardia anche quest'anno si riconferma quindi luogo centrale del Ricordo, mentre in alcune città italiane, con il patrocinio delle istituzioni, si organizzano convegni negazionisti.