Cipro: Grecia, Turchia viola ancora legalità internazionale

Cipro: Grecia, Turchia viola ancora legalità internazionale

Che, per ora, hanno voltato "la capa al ciuccio" sperando nel futuro di far rotta verso Cipro e così andare a fare il proprio mestiere, quanto prima; ma la posta in gioco per "noialtri italiani" è assai più alta, e una volta tanto si tratta di tenere, senza i soliti bizantinismi, una prora definita e ferma: è una questione innanzitutto di Diritto, ma che coinvolge la nostra Dignità e perfino il nostro Onore! Con ogni probabilità ci si trova di fronte al fletter dei muscoli da parte del presidente turco Recep Erdogann che, a ogni costo, vuole esercitare il massimo della pressione sull'Unione Europea affinché le porte si aprano.

La piattaforma Saipem 12000 dell'Eni è stata bloccata da alcune navi turche mentre era in navigazione verso Cipro. Con le recenti scoperte di idrocarburi fatte nelle acque del Mare Nostrum, Zohr in Egitto, Afrodite e Calipso al largo delle coste cipriote, si apre la possibilità di potenziare quel corridoio Sud rimasto orfano del South Stream che per l'Italia avrebbe un elevato valore strategico e che andrebbe a controbilanciare la posizione di forza della Germania che con la (possibile) realizzazione di Nord Stream 2 (al momento invischiata nelle consuete controversie tra Commissione Europea, Gazprom, Polonia e Germania) acquisirebbe una consistente posizione di vantaggio diventando il primo punto di approdo del gas russo in Europa con l'Italia che sarebbe costrette ad acquistare il gas russo a un prezzo maggiorato dai costi di trasporto.

Le accuse del ministro degli Esteri turco sulle attività esplorative nel blocco 6 della Zee cipriota sono giunte dopo che nei giorni scorsi il ministro dell'Energia di Nicosia, Giorgos Lakkotrypis, ha definito "incoraggianti" le prospettive derivanti dalle prime ricerche nell'area. Una condanna arriva anche da Atene, 'sorella maggiore' di Nicosia, secondo cui "la Turchia continua a sfidare la legalità internazionale violando in modo flagrante i diritti sovrani della Repubblica di Cipro nel Mediterraneo orientale". Alla Turchia, il gas di Cipro, serve per mettere fine alla dipendenza energetica di Ankara, ma non è solo questo a motivare i comportamenti di Erdogan.

Inter, bufera Brozovic: Spalletti lo esclude
L'Inter torna a vincere dopo oltre due mesi, ma il successo contro il Bologna non sembra aver soddisfatto tutti. Il rapporto tra Marcelo Brozovic e i tifosi dell'Inter si è rotto definitivamente durante Inter-Bologna.

Goleada da scudetto per il Napoli. Sarri: "mi ha dato gusto"
Lo stesso tecnico bianconero aveva affermato - alla vigilia del match del Napoli - di sperare in un risultato positivo della Lazio .

Istat, nel 2017 crescita Pil a +1,4%
Bisognerà comunque aspettare il primo marzo per conoscere il dato di riferimento per la politica economica. Arrivano i dati dell'Istat sulla crescita del Pil in Italia, che nel 2017 si è fermato all'1,4%.

"Ho un'estrema fiducia nella giustizia ma ho anche un'estrema fiducia nella mia struttura, nelle persone che conosco da 30 anni", ha premesso Descalzi riferendosi a Eni e ai suoi manager.

La Turchia, infatti, ha paura di perdere il suo ruolo nel Mediterraneo come crocevia importante per i flussi di gas. In rosso Tenaris -0,7%, Eni -0,4%, e soprattutto Saipem (-2,3%), penalizzata dalla vicenda della nave "Saipem 12000", bloccata da una nave da guerra turca al largo di Cipro.

Anche se un confronto militare nelle acque greche o cipriote sembra improbabile, la situazione va tenuta sotto controllo.