I deliri dei fascio-leghisti sul Museo Egizio

I deliri dei fascio-leghisti sul Museo Egizio

Bene ha fatto Giorgia Meloni a denunciare questa insensata iniziativa che, se fosse stata pensata veramente in favore degli stranieri, non avrebbe escluso le nazionalità europee. "Per quanto ci riguarda, il nostro museo è di tutti e non siamo d'accordo che si prenda una delle tante promozioni che facciamo e la si demonizzi a uso politico". E a Venezia? Gabriella Belli, direttrice dei Musei civici, dopo aver espresso solidarietà al collega torinese, rilancia: "Personalmente l'azione del Museo Egizio - sottolinea - la ritengo positiva". Niente. Il direttore tenta di far capire che la collezione che mostrano al Museo Egizio non è italiana bensì egiziana e che gli egiziani hanno tutto il diritto di poterla ammirare. I detrattori del direttore del Museo Egizio di Torino sostengono che il suo sia una forma di "razzismo al contrario" verso gli italiani. "Pertanto consiglio al ministro Franceschini di ricordarsi la sua carica istituzionale e di censurare loro non noi", conclude la nota.

A inizio gennaio la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni ha criticato l'iniziativa con un post su Facebook: il Museo secondo lei "ha fatto una delirante promozione (.)".

Cosa dovremmo fare allora, richiedere un passepartout per gli italiani, un patentito che consenta la libera fruizione di opere d'arte sottratte all'Italia nel corso dei secoli?

Altro che Real, Raiola vorrebbe portare Icardi da Mourinho
E proprio Icardi potrebbe essere il big sacrificato per riuscire a comprare: su di lui c'è soprattutto il Real Madrid . I nerazzurri si sono già portati avanti, assicurandosi il promettente Lautaro Martinez dal Racing di Avellaneda.

Milano, bimbo cade sui binari della metro: il salvataggio dell'eroe chiamato Lorenzo
Il giovane eroe è Lorenzo Pianazza , 18 anni , che al Corriere della Sera ha rilasciato alcune dichiarazioni su quanto accaduto. Ma soprattutto nella mamma che si è subito precipitata verso i binari .

Buffon Juventus, Marotta: "Sceglierà lui il futuro"
Tuttavia Bernardeschi ha glissato così con le dichiarazioni del post-partita: "Niente, parlavamo della partita con Buffon ". "Non meritavamo il pari, però siamo fiduciosi".

A partire dal 6 dicembre scorso e fino al 31 marzo prossimo, il Museo Egizio di Torino (il più vasto al mondo di settore dopo quello del Cairo) ha promosso un'iniziativa particolare: permettere alle coppie parlanti di lingua araba di entrare e osservare le meraviglie esposte al museo pagando un biglietto anziché due. "Una fake news", peggio "una bufala inventata dalla stampa". Noi siamo aperti a tutti e vogliamo favorire l'inclusione e la diffusione della cultura. "Ecco una cosina che andrebbe discussa sul tavolo della cosiddetta emergenza "antifascismo", dato che "fascista" viene definito dalla Sinistra chiunque senta "radici", identità" e "orgoglio". "Il mio intervento era contro l'appello dei Comitati scientifici del Mibact, che invece di esprimere pareri culturali interferiscono con la campagna che lo ha difeso". Era arrivato in Olanda dieci anni prima, il 7 gennaio 1997, ma ha confessato che dev'essere stato l'unico che durante l'Erasmus non ha avuto mai il tempo di divertirsi, perché stava chiuso in camera a studiare l'olandese, che non è proprio una lingua semplicissima. Accogliamo senza tetto, andiamo negli ospedali e nelle carceri e con questa promozione cerchiamo di avvicinare quelle persone che in Egitto non si sono avvicinate al loro patrimonio.

Finita l'ubriacatura sanremese l'Italia si sveglia nel pieno della piùviolenta campagna elettorale di sempre: a tre settimane dalle elezioni la politica si è appropriata dell'empatia della cronaca mettendo in contumacia il buonsenso. La cosa scandalosa è che Matteo Renzi - segretario, candidato premier del Partito Democratico ed ex capo del governo - ha chiamato il direttore del Museo Egizio per esprimergli la sua solidarietà, mentre il brigadiere aggredito a Piacenza dai centri sociali e la mamma di Pamela ancora aspettano una sua telefonata.